Bicchierino di (quasi) gel di cannella su tartare di melone

Bicchierino di (quasi) gel di cannella su tartare di melone
Bicchierino di (quasi) gel di cannella su tartare di melone


Storia di un errore in cucina, che è stato sfruttato per creare un goloso dessert: il bicchierino di (quasi) gel di cannella su tartare di melone.

Questo dolcetto – senza glutine, senza latticini, senza soia, senza uovapaleo e vegan – è perfetto per terminare una cena estiva in stile siciliano e magari sentirsi in vacanza, anche se si è ancora in città.

Bicchierino di (quasi) gel di cannella su tartare di melone
Bicchierino di (quasi) gel di cannella su tartare di melone

In origine volevo preparare il gel (o gelo) di cannella, che è un tipico dessert siciliano naturalmente senza glutine e senza latticini, ma… contiene tanto zucchero bianco e amido di mais, che non è un ingrediente che mi piaccia poi molto, a causa del processo di produzione che lo rende alquanto raffinato ed industriale.

 

Gelo di cannella - immagine presa dal web
Gelo di cannella – immagine presa dal web

 

Dopo aver chiesto la ricetta alla suocera (suocere sicule di tutto il mondo, perdonatemi perché non sapevo ciò che facevo… o forse sì!) potevo quindi esimermi dal personalizzare questo budino e tentarlo di rendere un po’ più consapevole e sostenibile? Certo che no!

Parliamoci chiaro, resta comunque un dolce molto dolce, con parecchio zucchero, da concedersi con moderazione come sfizioso dessert. Ho semplicemente ridotto del 30% la quantità di zucchero totale usato e in compenso aggiunto la vaniglia, che da dolcezza senza aggiungere zuccheri. Al posto dell’amido ho usato la farina di semi di carrube, un addensante con il quale devo fare ancora amicizia ed ecco spiegato il “quasi”: il gel andrebbe sformato su un piattino, ma non essendo ancora certa di dosi & co. della farina di semi di carrube il mio budino non ha assolutamente la consistenza e struttura per stare in piedi da solo.

Di necessità virtù e si reinterpreta ulteriormente questo semplicissimo dolce al cucchiaio. Alla base un fresco strato di melone, magari aromatizzato con un liquore, uno strato di gel e infine del cioccolato fondente tritato grossolanamente, che non sta mai male. Il risultato? Approvato dal maritozzo – anche da solo – che vanta una lunghissima carriera di degustazione di gel nonostante le sue ultime parole famose siano state: “Se usi lo zucchero nostro [muscobado o di cocco, che hanno un potere dolcificante inferiore secondo lui – ndr] mettine più della dose che ti ha dato mia mamma.”

Bicchierino di (quasi) gel di cannella su tartare di melone
Bicchierino di (quasi) gel di cannella su tartare di melone

Cosa aspettate a provarlo anche voi?

 


Ingredienti per 6-8 porzioni:

-1.5 l di acqua

-una stecca di cannella

-una bacca di vaniglia

-70 gr di zucchero integrale di canna (ad esempio muscobad0)

-4 cucchiaini di farina di semi di carrube

-1/2 melone

-cioccolato fondente q.b.

-liquore a piacere q.b. (facoltativo)

 

Procedimento:

Mettete in una pentola l’acqua, lo zucchero, la stecca di cannella e la bacca di vaniglia, precedemente aperta a metà per il lungo. Portate a bollore e fate cuocere per circa 30 minuti.

Spegnete il fuoco filtrate il liquido, in modo da eliminare la stecca di cannella (ed eventuali frammenti che si fossero staccati in cottura) e la bacca di vaniglia.

Setacciate la farina di semi di carrube nella pentola e aggiungete poco a poco l’infuso di cannella, mescolando bene con una frusta, in modo da evitare la formazione di grumi*. Riaccendete il fuoco e portate nuovamente a bollire, facendo cuocere il vostro gel finché non avrà una consistenza densa e collosa. Travasate il budino in una ciotola di vetro e fate raffreddare. Coprite con della pellicola per alimenti e lasciatelo rapprendere e raffreddare in frigo per 3-4 ore (meglio una notte).

Nel frattempo tagliate a dadini il melone e fatelo marinare una decina di minuti con il vostro liquore preferito. Tritate anche grossolanamente il cioccolato, ricordandovi di verificare che effettivamente sia buono…

Versate qualche cucchiaiata di melone sul fondo di una coppetta, coprite con il gel di cannella e decorate con un po’ di cioccolato fondente tritato.

 

*Qualora si formassero grumi, nessun problema: una passata col frullatore ad immersione e avete risolto.

 

L’idea in più:

Usate il cioccolato di Modica per un dessert più ricercato.

Al posto del melone usate la frutta di stagione che preferite e che possa star bene con cannella e cioccolato.

Se non amate il cioccolato (folli!), date la nota croccante a questo goloso bicchierino con noci del brasile, mandorle oppure pinoli tostati.

Se vi avanza della frolla, preparate un crumble (ovvero sbriciolate la frolla e cuocetela in forno finché non sarà dorata) e usatelo come topping.

Per dare una nota fresca ed aromatica in più aggiungete anche un po’ di scorza di limone non trattata.

Annunci

3 thoughts on “Bicchierino di (quasi) gel di cannella su tartare di melone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...